S. FRANCESCO E IL SULTANO NELL’ARTE

L’EROICO VIAGGIO IN TERRA SANTA
DEL FRATICELLO D’ASSISI 
DALLA LEGENDA DI BONAVENTURA
AI CAPOLAVORI DEL RINASCIMENTO

___di Fabio Giuseppe Carlo Carisio con testo di San Bonaventura ___

«Nel 1219 Francesco realizzò finalmente un suo ardente desiderio: predicare la fede cristiana ai musulmani. Questo evento viene narrato nel nono capitolo della Legenda Maior, dove Bonaventura parla della carità che spingeva Francesco a voler annunciare il Vangelo a tutti gli uomini, e dell’attrazione che il santo provava davanti alla possibilità del martirio. La funzione di questo episodio è infatti quella di associare Francesco al grado più alto della santità cristiana, quello dei martiri, dimostrando la completa disponibilità del Poverello a morire per Cristo. Raggiungendo l’esercito crociato a Acri e poi a Damiata, Francesco ottenne dal legato pontificio di potersi recare, al suo rischio e responsabilità, dal principe musulmano, il sultano Melek-el-Kamel». A spiegare sinteticamente il movente spirituale del viaggio che il Patrono d’Italia volle compiere in Terra Santa è l’autorevole storico cattolico monsignor Timothy Verdon, canonico del Duomo di Firenze, Direttore dell’Ufficio di Arte Sacra e Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Firenze, uno dei massimi esperti viventi di storia dell’arte cristiana. Il suo conciso ma eloquente intervento agiografico è una premessa al commento critico dell’opera attribuita a Giotto di Bondone, la cosiddetta “Prova del fuoco”, l’undicesima delle ventotto scene del ciclo di affreschi delle Storie di San Francesco della Basilica superiore di Assisi. E’ la famosa “ordalia” con cui il frate assisiate sfidò il Sultano ed i sacerdoti islamici per dimostrare la potenza di Dio.

Leggi tutto “S. FRANCESCO E IL SULTANO NELL’ARTE”

CHAGALL DA BAROLO ALL’ONU

IL CICLO SULLA BIBBIA

E LA VETRATA ALLE NAZIONI UNITE

Il monumentale repertorio immaginifico artistico e spirituale del ciclo di acqueforti sulla Bibbia (1932-1956,sulla Tanakh ebraica ovvero I libri dell’Antico Testamento sacri agli Israeliti) di Marc Chagall non finisce di stupire e riesce a sorprendere anche un funzionario dell’ONU di New York in visita a Barolo e alla esposizione allestita da Art & Wine Club presso l’Aula Picta (ex Confraternita di Sant’Agostino) nei giorni scorsi.

Marc Chagall – Tempi Messianici

Leggi tutto “CHAGALL DA BAROLO ALL’ONU”

MUSICA – ORGANO D’ESSAI A LA MORRA

DA FRESCOBALDI A FRISINA:

NELLA BAROCCA CHIESA S.  MARTINO

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Dal molcente Magnificat del compositore contemporaneo Marco Frisina (autore delle colonne sonore dei film Rai sulla Bibbia con Ennio Morricone) alla gaudiosa Toccata II del barocco Girolamo Frescobaldi un’entusiasmante serata d’essai musicale ha animato la meravigliosa Chiesa di San Martino di La Morra nell’ambito dei festeggiamenti biennali per il santo patrono nel 1700° anniversario della sua nascita. Un concerto, dal titolo Canterò per sempre l’amore del Signore, interpretato dalla Corale San Martino di La Morra e da cinque allievi organisti del Conservatorio Giorgio Federico Ghedini di Cuneo. Un’esibizione che ha  incantato la platea di semplici appassionati ed esperti maestri rivelando le eccezionali potenzialità del monumentale organo del 1880, recentemente restaurato, sgargiante di fregi aurei in stile barocco, di cui l’intera chiesa è sfavillante e sontuosa testimonianza: vestigia decorative divenute pertanto cornice ideale per le sonate seicentesche frescobaldiane e degli altri compositori successivi di tale virtuosa ispirazione.

Una immagine del mirabile organo della chiesa di San Martino a La Morra

Leggi tutto “MUSICA – ORGANO D’ESSAI A LA MORRA”