LE MUSE DEL BAROLO A CASTIGLIONE. Vino, musica e poesia nei dipinti di Gianni Pascoli

351 Views

English version below

Le muse del Barolo del pittore di fama internazionale Gianni Pascoli fanno bella mostra di sé a Castiglione Falletto. Nella Chiesetta di Sant’Anna è entrata nel vivo la stagione artistica dell’associazione Art % Wine Club – Italian Top Style che gestisce questo spazio grazie ad un progetto culturale sviluppato con l’amministrazione comunale di Castiglione Falletto.

La sinergia di vedute tra il sindaco Paolo Borgogno e il presidente del sodalizio Fabio Giuseppe Carlo Carisio, critico e curatore d’arte, hanno consentito la valorizzazione di questo suggestivo scrigno incastonato in uno dei borghi più belli della Langa del Barolo, arroccato su una panoramica altura intorno al castello medievale.

Il Sindaco di Castiglione Falletto Paolo Borgogno (a sinistra) insieme al pittore Gianni Pascoli davanti alla Chiesetta di Sant’Anna

“Vino, musica e poesia” è il titolo della mostra di Pascoli che è curiosamente omonimo del grande poeta italiano e pare averne ereditato il romantico lirismo nelle sue creazioni. Alle fanciulle amanti del vino e immerse in policrome vigne si affiancano le modelle musicanti, sensuali e festanti, e quelle ora malinconiche per un amore appena infranto. Auto d’epoca e moto leggendarie impreziosicono un’esposizione di altissimo livello qualitativo curata da Carisio che è stata prorogata fino a domenica 3 agosto.

Gianni Pascoli è nato nel 1952 a Savona vive e lavora a Cairo Montenotte (Sv). Friulano d’origine, si avvicinò all’arte grazie al pittore conterraneo Domenico Bortoluzzi. Ha frequentato l’Istituto d’Arte di Acqui Terme, l’Accademia di Firenze (maestro Primo Conti) e quella di Brera. Ha esposto in tutta Italia ed all’estero (Parigi, Vienna, Istanbul, Sidney) anche a Rio de Janeiro per le Olimpiadi 2016. Nel 2014 è stato selezionato per due personali a Palazzo Salmatoris di Cherasco e a Mantova. Ha ricevuto vari riconoscimenti tra cui l’onore di dipingere il Palio di Alba. Nel 2015 ha vinto ex aequo il primo premio Art & Wine Club in memoria di Guido Fassione, votato dagli stessi artisti dell’associazione.

Gianni Pascoli – Minuetto in Langa

«Pascoli è l’esempio di una figurazione che può sempre traguardarsi verso innovative espressività stilistiche ed estetiche. La sinfonica varietà coloristica, le gradazioni tonali di luci ed ombre, le svolazzanti pennellate in maculazioni materiche e vibranti creano opere d’arte sempre nuove, originali ed affascinanti» afferma il critico d’arte Fabio Giuseppe Carlo Carisio, presidente di Art & Wine Club.

ENGLISH VERSION

Born in 1952 in Savona, he lives and works in Cairo Montenotte (Sv). Originally from Friuli, he was drawn to art thanks to the painter from the same region, Domenico Bortoluzzi. He attended the Institute of Art in Acqui Terme, and the Accademias in Florence (maestro Primo Conti) and Brera. He has shown throughout Italy and abroad (Paris, Vienna, Istanbul, Sydney), also in Rio de Janeiro for Olimpyc Games 2016. In 2014 he was chosen for two personal exhibitions in Palazzo Salmatoris in Cherasco and Mantova. He has received various awards, including the honour of painting the banner for the Palio of Alba. In 2015 won Art & Wine Club Prize in memry of Guido Fassione.

«Pascoli is an example of a figure that always aims towards innovative stylistic and aesthetic expression. The symphonic variety of color, the tonal gradations of light and shadow and the fluttering brushstrokes in substantial and vibrant spots create always new artworks, original and amazing» wrote the art’s critic Fabio Giuseppe Carlo Carisio, Art & Wine Club president.

https://www.art-wine.eu/ARCOBALENI+IN+VIGNA+IN+MOSTRA+AL+CASTELLO+DI+RODDI

 

admin

Lascia un commento