BOLLICINE D’ITALIA

LE EFFERVESCENZE

DI ZANICHELLI

Report by Maria Grazia Promio

Massimo Zanichelli è un degustatore del fu Dream Team espressico, docente di cinema, autore di alcuni documentari ed è l’autore, tra i tanti testi, di Effervescenze, un libro sui frizzanti italiani dove racconta il suo viaggio nel mondo delle bollicine, nella storia e inegli interpreti dei vini eccellenti della rifermentazione in bottiglia in una degustazione d’eccellenza.

Dal Prosecco trevigiana alla Bonarda Oltrepò Pavese, passando per il mondo del Lambrusco emiliano, il libro on the road tra colline e vigneti. La presentazione del nuovo prodotto editoriale enoico è avvenuta nei giorni scorsi accompagnata da un’ottima degustazione presso la Bottega del vino di Dogliani DOCG.

Massimo Zanichelli alla Bottega del vino di Dogliani

Massimo Zanichelli è docente di cinema, saggista e documentarista. Ha scritto per «Famiglia Oggi», «Letture» e «Film Tv» e collaborato ai volumi collettivi Il cinema di Don Siegel (Associazione Culturale Il Foglio, 2011) e Maestri in serie (Falsopiano, 2013). È autore di Psyco & Psycho. Genesi, analisi e filiazioni del thriller più famoso della storia del cinema (Le Mani, 2010) e Fino all’ultima goccia. Tutto il cinema dei vampiri da Dracula a True Blood (Mimesis, 2014). È anche wine writer per «l’Espresso» e ha diretto il docufilm Sinfonia tra cielo e terra. Un viaggio tra i vini del Veneto (2013). Ha in pubblicazione per Le Mani, in collaborazione con Ilaria Floreano, il libro Amori fatali. Grandi passioni tra cinema e realtà.

La cover del libro Effervescenze in una originale foto di Mg Promio

Al centro di un rinnovato interesse, i più importanti vini frizzanti italiani vengono per la prima volta raccontati in un viaggio nel mondo delle bollicine rurali prodotte con la fermentazione in bottiglia. In un on the road tra cantine e vigneti, Massimo Zanichelli raccoglie le testimonianze dei principali interpreti di queste bottiglie ancestrali, raccontandone le storie e descrivendone i vini. Effervescenze che si fanno portavoce di colori, profumi e sapori di un’antica tradizione, chiamata in molti modi ma con una sola anima: l’artigianalità.

Maria Grazia Promio

Lascia un commento